Gnocchi di patate senza glutine con burro e salvia

Gnocchi di patate senza glutine con burro e salvia

Dopo la brazadela, torno ad un’altra ricetta tipica delle mie parti: gli Gnocchi di patate senza glutine! Mi piacciono molto e ogni volta mi diverto a condirli in modo diverso (vedi anche gli gnocchi al ragù, gli gnocchi alla sorrentina e gli gnocchi con pancetta e porcini su letto di parmigiano).
Per prepararli ho usato sempre la ricetta di mia nonna Ivana, solo che questa volta invece della farina di riso ho usato la farina per pasta “L’altro gusto”. Questa farina infatti mi piace davvero molto e rende benissimo per la pasta, soprattutto quella all’uovo (vedi anche la ricetta dei cappelletti in brodo). Per la pasta a base di sola farina e acqua, invece, ho ancora qualche perplessità perchè rimane leggermente gommosa. Resta comunque l’unica farina per pasta che mi piace davvero tra quelle provate fin’ora, e l’unica con cui sono riuscita a preparare, finalmente, della pasta fresca davvero buona.
L’ho provata per gli gnocchi perchè, se quelli di riso sono molto buoni e delicati sul momento, tendono comunque a sbriciolarsi leggermente e, se surgelati, durante la cottura si rompono completamente. Questi, invece, già appena fatti vi posso garantire che erano buonissimi e, inoltre, hanno superato brillantemente la prova cottura anche da congelati (le foto infatti sono della versione congelata)!
E con questa ricetta vi saluto e vado in vacanza (meritata, l’anno scorso da tirocinante ho avuto solo 5 giorni… di pioggia tra l’altro :P) ma non vi preoccupate perchè vi ho lasciato 3 ricette programmate nei prossimi giorni quindi non sentirete troppo la mia mancanza! Risponderò ai commenti quando torno! A presto :)

icona-ingredienti
Ingredienti:
Per gli gnocchi
1 kg di patate
300 g di farina per pasta “L’altro gusto”
1 pizzico di sale
1 uovo

Per il condimento:
1 noce di burro
qualche foglia di salvia fresca
sale rosa

icona-tempo
Tempo di preparazione:
25 minuti preparazione,
5 minuti cottura.

icona-piatto
Dosi per:
4 persone.

Procedimento:

Lessare le patate in abbondante acqua salata, finchè non diventano leggermente morbide.
Schiacciarle con lo schiacciapatate (io lo faccio con ancora la buccia, che rimane dentro alla schiacciapatate).
Quando sono ancora tiepide (consiglio della nonna!), mescolarle all’uovo e alla farina, mettendone intanto 250 g e aggiungendone ancora solo se necessario, regolandosi poi in base alla consistenza. L’impasto deve essere infatti tenero (gli gnocchi duri non sono buoni) ma non troppo da rompersi.

Impasto degli gnocchi senza glutine

Appoggiare il panetto così ottenuto su un piano di lavoro infarinato, formare delle strisce facendo rotolare l’impasto con le mani e poi tagliare con il coltello dei piccoli gnocchi.

come fare gli gnocchi

Disporli su un piatto o su un vassoio, leggermente infarinati perchè non si attacchino.

preparazione gnocchi senza glutine

Se si vogliono cuocere subito, lessarli in abbondante acqua salata bollente finchè non vengono a galla. Aspettare ancora qualche istante e poi scolarli.

cottura gnocchi di patate senza glutine

Se invece si vogliono congelare, trasferirli in un sacchetto idoneo e metterli subito in freezer.
Io ne ho cotti metà e l’altra metà l’ho congelata per un’altra volta.
In una padella, fondere il burro con la salvia e aggiungere gli gnocchi appena scolati.

come condire gli gnocchi di patate senza glutine

Farli insaporire per qualche istante, mescolare bene e disporli nei piatti. Aggiungere una spolverata di sale rosa (che, secondo me, gli dà quel tocco in più) e servire subito.

Gnocchi di patate senza glutine con burro e salvia
Se questa ricetta ti è piaciuta, condividila ;)
 
Aggiornamento del 20 gennaio 2014: questi gnocchi li trovate anche su Sale&Pepe :)
sale-e-pepe una-cucina-tutta-per-se-senza-glutine-sale-e-pepe

8 Condivisioni


5 thoughts on “Gnocchi di patate senza glutine con burro e salvia”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.